Intelligenza artificiale: il caso Gerry Scotti

Intelligenza artificiale: il caso Gerry Scotti

Intelligenza artificiale e personaggi famosi

Ve ne sarete accorti scrollando fra Instagram e Tik Tok: su internet esiste una quantità impressionante di contenuti prodotti utilizzando la voce e le sembianze di Gerry Scotti.

Si tratta per lo più di immagini, video o file audio realizzati utilizzando l’Intelligenza Artificiale (e il deepfake): il risultato non è sempre di altissima qualità, anzi il più delle volte salta subito all’occhio (e all’orecchio) che non stiamo assistendo a un prodotto originale.

Eppure, questa mole di meme ha avuto un effetto inaspettato…

 

 

Perché Gerry Scotti?

Non è facile capire perché i creator più giovani (i contenuti GerryScottici circolano velocissimi fra gli esponenti della GenZ) abbiano scelto proprio il notissimo presentatore Mediaset.

 

Forse è per la sua aria da “zio”, forse è per la sua personalità leggera e divertente, forse è per il suo passato da disc jokey: forse, infine, è per la sua accoglienza divertita all’intero fenomeno.

 

Pare, infatti, che Gerry Scotti abbia preso la questione con grande autoironia, affascinato e quasi lusingato da tanta attenzione: nei suoi programmi ha, spesso, citato meme ricorrenti, arrivando addirittura a riprodurli live (cantando, per esempio, “What is Love?” di Haddaway). 

 

 

Lo spirito moderno e l’occhio attento ai trend del momento hanno, insomma, decretato un incredibile successo per una personalità del piccolo schermo che, certo, non aveva bisogno di ritrovare la sua popolarità, ma che così si assicura un posto nel cuore dei giovanissimi, noti per non essere troppo affezionati al mezzo televisivo. 

 

 
Intelligenza artificiale: il caso Gerry Scotti

Dal meme al prodotto commerciale

• Ma quale effetto reale ha avuto questo inarrestabile trend?

Ha trasformato un meme in un progetto commerciale vero e proprio!

 

Gerry Scotti ha, infatti, deciso di riappropriarsi della sua immagine e della sua voce, utilizzando la IA per produrre e lanciare sul mercato un disco di canzoni natalizie, chiamato Gerry Christmas. L’album contiene i grandi classici delle festività, ricantati dall’Intelligenza Artificiale nei panni dell’amatissimo presentatore: si va da All I Want for Christmas is You a Last Christmas, passando per le tradizionalissime Jingle Bells, Santa Claus is Coming to Town e Feliz Navidad.

 

Cosa ha dovuto fare in concreto Gerry?

Leggere testi in tre lingue – italiano, inglese e spagnolo – per permettere al sistema di imparare al meglio la sua pronuncia e rendere il tutto molto più credibile!

 

 

Un approccio da imitare?

Sappiamo che alcuni potrebbero storcere il naso a pensare a questo tipo di progetto, ma l’idea di Gerry Scotti potrebbe essere vincente.


L’approccio aperto alle novità, la curiosità per le nuove tecnologie e l’impiego intelligente delle stesse potrebbe essere l’atteggiamento giusto per non farsi “cancellare” dal mondo che avanza e cambia.


Forse dovremmo essere tutti un po’ più come Gerry…

Leggi anche